Logo dell'Università degli Studi di Milano e link al suo sito web www.unimi.it
Logo della Sezione raffigurante il frontespizio di un'edizione di Bartolo da Sassoferrato Sezione di Storia del diritto
medievale e moderno
via Festa del Perdono 7
20122 Milano - Italia
Fax: 02/50312503
stordir@unimi.it [B]
Linea colorata
Linea colorata

Biblioteca Digitale

Gridari [E] Edizioni [F]

Obiettivi del progetto

Il progetto denominato Digital Library prevede la digitalizzazione della Biblioteca antica della Sezione di storia del diritto medievale e moderno per rendere disponibile a utenti locali e remoti un consistente numero di documenti di grande interesse scientifico.
Considerata la missione della biblioteca è risultata prioritaria la digitalizzazione delle opere più danneggiate o recentemente restaurate in modo da non compromettere, in seguito ad una frequente consultazione, lo stato delle carte e delle legature. L'obiettivo fondamentale di questo progetto infatti non è "far emergere tali opere dell'oblio", quanto piuttosto mettere a disposizione di tutti un patrimonio bibliografico di altissimo valore preservandolo anche per le generazioni future. Questo ricco patrimonio è oggetto di tesi di laurea, di tesi di dottorato di ricerca oltre che fonte irrinunciabile per gli studiosi di storia del diritto italiano e in particolar modo milanese.

Oggetto della digitalizzazione saranno:

  1. Opere a stampa di diversi fondi antichi, circa 9000 e in particolare: Senato di Milano; fondo Crociolani, fondo De Simoni, Biblioteca Margarita, fondo Crocetti, fondo Besta. Tutte le opere sono state catalogate e la descrizione bibliografica è reperibile sia dall'Opac del Sistema Bibliotecario Nazionale (http://opac.sbn.it/) che dall'Opac d'ateneo (http://opac.unimi.it). (È possibile scaricare [R] il file PDF del fondo antico aggiornato al gennaio 2005. Il file è di 3.932 Kb)
  2. Microfilm: la Sezione possiede una raccolta di microfilm di manoscritti giuridici medievali e moderni, iniziata nel 1964 e tuttora in via di accrescimento, che non ha eguale in Europa. Essa comprende circa 3.000 microfilm di manoscritti di diritto romano e di diritto canonico medievale provenienti dalle biblioteche di tutta Europa e d'America; circa 3.300 microfilm di statuti, ordini, decreti cittadini e corporativi lombardi e italiani; una raccolta in microfilm dei lavori preparatori dei codici moderni d'Italia e di Francia; un complesso di oltre 1600 microfilm di opere a stampa di diritto comune e di diritto moderno, integrative dei volumi a stampa posseduti dalla Sezione

Stato del progetto

Il progetto, per quel che riguarda le opere a stampa, è stato avviato nel 1999 con la digitalizzazione dei "Gridari del ducato di Milano del XVIII secolo" che è tuttora in fase di realizzazione. L'attività di digitalizzazione è complementare alla catalogazione e repertoriazione delle singole grida. Parte dei gridari è già accessibili dal WEB in formato PDF alla pagina http://www.historia.unimi.it/scripts/gride/gride.php.
Nel ottobre 2003 è partita la digitalizzazione dei volumi più richiesti e maggiormente danneggiati che sono consultabili da web alla pagina http://www.historia.unimi.it/scripts/diglib/diglib1.php. Anche ricercando la notizia bibliografica nell'Opac d'Ateneo è possibile recuperare il digitale grazie alla funzione Link Multimediale del software di catalogazione Sebina.
Prosegue la scannerizzazione, iniziata nel 2001, delle opere su microfilm, acquisite nel corso degli anni da altri enti e di cui è possibile consultare la banca dati alla pagina materiale bibliografico su microfilm, Cd o in digitale.

Attrezzature utilizzate:

  1. scanner per microfilm Mekel 520 per pellicole da 16-35 mm, produce immagini in bianco e nero, formato TIFF compresso gruppo 4
  2. scanner a colori Copibook formato fino A2 con piano basculante(immagini fino a 300 DPI);
  3. scanner Bell & Howell formato fino A2 con piano basculante, possibilità di immagini in bianco e nero e scala di grigio;
  4. scanner Canon DR 5080C formato fino A3 incluso
  5. lettore stampatore Canon Microfimscanner (MS800)
Le immagini in formato TIFF sono digitalizzate a 300/400/600 DPI secondo della tipologia dei documenti e memorizzate su CD/DVD. I file Master vengono successivamente salvati in formato JPEG o GIF alla dimensione di 1000 oppure 1500 pixels per facilitare la consultazione da web.
Le opere si possono anche consultare dalle postazioni locali della biblioteca salvate in un file multipagina in formato PDF.
I metadati relativi ai formati, alla risoluzione, alle dimensioni delle immagini, ai programmi applicativi utilizzati e i dati di masterizzazione sono memorizzati in un data base locale.

Modalità di accesso ai dati

Al momento tutte le opere digitalizzate da microfilm sono fruibili in locale su CD-ROM o DVD mentre alcune edizioni cartacee di proprietà della Biblioteca sono già consultabili on-line sia partendo da una ricerca bibliografica da OPAC che direttamente dal nostro sito.
Inizio pagina [V]
URL: http://www.historia.unimi.it/

Valid XHTML 1.0 Strict Simbolo di validazione CSS